Daily Reading Vocabulary Masterclass News

Daily Reading Vocabulary Masterclass – Week 1

Daily Reading Vocabulary – Masterclass – 4-Week Course

Ogni settimana ricevete cinque articoli in inglese tradotti in italiano per aiutarvi a migliorare il vostro vocabolario un giorno alla volta. Questo è il modo migliore per imparare nuove parole nel contesto appropriato, senza perdere tempo a cercare ogni definizione o cercare di usare le nuove parole che si imparano in modo casuale. Se ti piace il contenuto qui sotto, puoi pagare per ricevere le 3 settimane successive. Sentitevi liberi di condividerli con amici, familiari e colleghi. Contattatemi per domande o commenti.

20.00 €

Monday

trump-2546104_1920

 Trump chooses denial and recklessness as he’s set to resume campaign rallies

As President Donald Trump stood on a White House balcony Saturday — spewing mistruths about his opponent’s plan for policing and claiming the coronavirus is “disappearing”while hundreds of people watched from below— it was clear that his illness has taught him very little and he will continue to endanger Americans until Election Day. There was a chance for a strategic pivot by the President after he contracted Covid-19 that would have helped him shore up his flagging approval ratings on the handling of the virus. After learning a great deal about coronavirus, as he claimed during his stay at Walter Reed National Military Medical Center, he could have chosen a path of responsibility by using his platform to educate the public about the risks of the virus at a time when US cases are surging and doctors fear that the nation is entering a second wave.

Italian

Mentre il presidente Donald Trump stava in piedi sul balcone della Casa Bianca sabato – spargendo menzogne sul piano di polizia del suo avversario e sostenendo che il coronavirus sta “scomparendo” mentre centinaia di persone lo guardavano dal basso– era chiaro che la sua malattia gli ha insegnato molto poco e che continuerà a mettere in pericolo gli americani fino al giorno delle elezioni. C’è stata la possibilità di un perno strategico da parte del Presidente dopo aver contratto il Covid-19 che lo avrebbe aiutato a puntellare i suoi voti di approvazione sulla gestione del virus. Dopo aver appreso molto sul coronavirus, come ha affermato durante la sua permanenza al Walter Reed National Military Medical Center, avrebbe potuto scegliere un percorso di responsabilità usando la sua piattaforma per educare il pubblico sui rischi del virus in un momento in cui i casi americani sono in aumento e i medici temono che la nazione stia entrando in una seconda ondata.

Tuesday

amazon-worker-lay-on-warehouse-floor-for-20-minutes

Prime Day, peak season and the pandemic: Amazon warehouse workers brace for the months ahead

Amazon is gearing up for one of its largest shopping events of the year, which is set to begin Tuesday. When layered on top of the ongoing pandemic and followed closely by the start of the holiday shopping season, some workers are worried about risks to their health and their jobs. CNN Business spoke to ten Amazon warehouse employees about pandemic-related conditions and what it has been like to work past Prime Days and holiday seasons. Some spoke on the record, while others spoke on the condition of anonymity for fear of retaliation. Attitudes about pandemic-related policies varied depending on which warehouse, and which department, workers were in. At one warehouse, workers expressed concerns about the ability to follow social distancing guidelines and being reprimanded if unable to do so. In others, workers were stressed in anticipation of the extra work. Under normal circumstances, Amazon warehouses are teeming with activity and workers, but demand spurred by the pandemic sent that into overdrive. Beginning in March, Amazon hired 175,000 temporary employees to keep up with the surge in orders, later stating it would keep 70% of them permanently. In September, the company announced plans to hire an additional 100,000 employees across its operations, telling Reuters it was still evaluating demand for seasonal employment. Last year it announced it would bring on 200,000 workers for seasonal needs. 

Italian

Amazon si sta preparando per uno dei suoi più grandi eventi di shopping dell’anno, che inizierà martedì. Quando si stratifica sulla pandemia in corso e segue da vicino l’inizio della stagione degli acquisti per le vacanze, alcuni lavoratori sono preoccupati per i rischi per la loro salute e per il loro lavoro. La CNN Business ha parlato con dieci dipendenti del magazzino di Amazon delle condizioni legate alla pandemia e di come è stato lavorare dopo le prime giornate e le festività natalizie. Alcuni hanno parlato a voce alta, mentre altri hanno parlato in condizioni di anonimato per paura di ritorsioni. L’atteggiamento nei confronti delle politiche relative alla pandemia variava a seconda del magazzino e del reparto in cui si trovavano i lavoratori. In un magazzino, i lavoratori hanno espresso preoccupazioni circa la capacità di seguire le linee guida per l’allontanamento sociale e di essere rimproverati se non sono in grado di farlo. In altri, i lavoratori sono stati stressati in previsione del lavoro extra. In circostanze normali, i magazzini di Amazon brulicano di attività e di lavoratori, ma la domanda, stimolata dalla pandemia, ha mandato tutto all’aria. A partire da marzo, Amazon ha assunto 175.000 dipendenti temporanei per tenere il passo con l’aumento degli ordini, dichiarando in seguito che ne avrebbe mantenuto il 70% in modo permanente. A settembre, l’azienda ha annunciato l’intenzione di assumere altri 100.000 dipendenti in tutte le sue attività, dicendo alla Reuters che stava ancora valutando la domanda di lavoro stagionale. L’anno scorso ha annunciato che avrebbe portato 200.000 lavoratori per le esigenze stagionali.

Wednesday 

travel stranger

No one wanted to travel with me, so I went on vacation with a total stranger

In a year of lockdowns, flight bans and general coronavirus chaos, there are still some options for people seeking overseas adventures. But what happens if you are the only one in your friend group willing to travel during these strange times? That’s exactly what happened to both Josiah Burton and Therese Rocca. No one wanted to travel with them. And so, even though they were total strangers, they decided to go on vacation together. “I was supposed to be going to Japan with a friend, but Japan is now closed,” Burton, a 32-year-old from Iowa, tells CNN Travel. “So, I was looking for a country open to Americans.
“My friend decided he didn’t want to travel during the coronavirus, but I still wanted to go. I was originally looking at Croatia, but you needed a negative Covid test within 72 hours. Turkey didn’t have any such requirement, so I chose there.” With no one to go with, he turned to 10XTravel, a Facebook group followed by 40,000 people that offers advice on ways to save money on the road. “I didn’t really want to travel alone, so I posted a message in the Facebook group that if anyone’s interested in coming or meeting up, or who will be in Turkey at the same time, to let me know.” Rocca, 36, from Denver, saw the message and responded almost immediately.
 

Italian

In un anno di blocchi, divieti di volo e caos generale da coronavirus, ci sono ancora alcune opzioni per chi cerca avventure oltreoceano. Ma cosa succede se sei l’unico del tuo gruppo di amici disposto a viaggiare in questi strani tempi? È esattamente quello che è successo sia a Josiah Burton che a Therese Rocca. Nessuno voleva viaggiare con loro. E così, anche se erano dei perfetti sconosciuti, hanno deciso di andare in vacanza insieme. “Dovevo andare in Giappone con un amico, ma ora il Giappone è chiuso”, racconta alla CNN Travel Burton, un 32enne dell’Iowa. “Quindi, stavo cercando un paese aperto agli americani.
“Il mio amico ha deciso che non voleva viaggiare durante il coronavirus, ma io volevo comunque andarci. All’inizio stavo guardando la Croazia, ma il test Covid era negativo entro 72 ore. La Turchia non aveva questo requisito, così ho scelto di andare lì”. Non avendo nessuno con cui andarci, si è rivolto a 10XTravel, un gruppo di Facebook seguito da 40.000 persone che offre consigli su come risparmiare in viaggio. “Non volevo viaggiare da solo, così ho postato un messaggio nel gruppo di Facebook che se qualcuno è interessato a venire o a incontrarsi, o che sarà in Turchia allo stesso tempo, mi faccia sapere”. Rocca, 36 anni, di Denver, ha visto il messaggio e ha risposto quasi subito.

Thursday 

201008195158-homelessness-vancouver-file-exlarge-169

Researchers gave thousands of dollars to homeless people. The results defied stereotypes.

You’ve heard this refrain before — giving money to homeless people is not the best way to help them because it might be squandered, or spent on harmful habits. But a new Canadian study makes a powerful case to the contrary. The study, dubbed “The New Leaf Project,” is an initiative of Foundations for Social Change, a charitable organization based in Vancouver, in partnership with the University of British Columbia. Researchers gave 50 recently homeless people a lump sum of 7,500 Canadian dollars (nearly $5,700). They followed the cash recipients’ life over 12-18 months and compared their outcomes to that of a control group who didn’t receive the payment. The preliminary findings, which will be peer-reviewed next year, show that those who received cash were able to find stable housing faster, on average. By comparison, those who didn’t receive cash lagged about 12 months behind in securing more permanent housingPeople who received cash were able to access the food they needed to live faster. Nearly 70% did after one month, and maintained greater food security throughout the year. The recipients spent more on food, clothing and rent, while there was a 39% decrease in spending on goods like alcohol, cigarettes or drugs.

Italian

Avete già sentito questo ritornello – dare denaro ai senzatetto non è il modo migliore per aiutarli perché potrebbe essere sprecato, o speso per abitudini dannose. Ma un nuovo studio canadese sostiene il contrario. Lo studio, soprannominato “The New Leaf Project”, è un’iniziativa delle Fondazioni per il cambiamento sociale, un’organizzazione caritatevole con sede a Vancouver, in collaborazione con la University of British Columbia. I ricercatori hanno dato a 50 persone senza tetto, recentemente, una somma forfettaria di 7.500 dollari canadesi (quasi 5.700 dollari). Hanno seguito la vita dei destinatari del denaro per 12-18 mesi e hanno confrontato i loro risultati con quelli di un gruppo di controllo che non ha ricevuto il pagamento. I risultati preliminari, che saranno sottoposti a una valutazione tra pari il prossimo anno, mostrano che coloro che hanno ricevuto denaro contante sono stati in grado di trovare un alloggio stabile più velocemente, in media. In confronto, coloro che non hanno ricevuto denaro contante sono rimasti indietro di circa 12 mesi nella ricerca di un alloggio più stabile. Le persone che hanno ricevuto denaro contante sono state in grado di accedere al cibo di cui avevano bisogno per vivere più velocemente. Quasi il 70% lo ha fatto dopo un mese e ha mantenuto una maggiore sicurezza alimentare durante tutto l’anno. I beneficiari hanno speso di più per il cibo, il vestiario e l’affitto, mentre c’è stata una diminuzione del 39% della spesa per beni come alcol, sigarette o droghe.

Friday 

201010113820-04-california-wildfires-wineries-castello-di-amorosa-1001-exlarge-169

California wildfires ravage dozens of family-run wineries

The sight is every winemaker‘s nightmare“Smoke-tainted” grapes, blackened casks of wine, charred and broken bottles where once there were picturesque vineyardsIn California’s celebrated Napa Valley, instead of welcoming visitors to their wineries for the autumn harvest season, winemakers this year are looking at decimated vineyards. Massive wind-driven wildfires have damaged and destroyed dozens of the region’s famed wineries, many of them family-owned businesses. And the coronavirus pandemic hasn’t helped either. But despite major losses, some Napa Valley winemakers say they hope to attract visitors soon to uphold the region’s reputation for making some of the world’s finest wines. Fairwinds Estate Winery is one of them. The historic property known for being the fourth winery established in Napa Valley shortly after prohibition, has been nearly destroyed by the Glass Fire. Over 40,000 square-feet of production facilities and a tasting room were completely gutted. Hundreds of bottles of wine were cracked in the heat of the flames, and tanks of unused wine have been damaged beyond repair, said Brandon Chaney, proprietor and CEO of Fairwinds Estate Winery.

Italian

La vista è l’incubo di ogni viticoltore. Uve “affumicate”, botti di vino annerite, bottiglie carbonizzate e rotte dove un tempo c’erano pittoreschi vigneti. Nella celebre Napa Valley della California, invece di accogliere i visitatori nelle loro cantine per la stagione della vendemmia autunnale, quest’anno i viticoltori guardano ai vigneti decimati. Enormi incendi provocati dal vento hanno danneggiato e distrutto decine di aziende vinicole famose della regione, molte delle quali a conduzione familiare. E nemmeno la pandemia di coronavirus ha aiutato. Ma nonostante le gravi perdite, alcuni viticoltori della Napa Valley dicono di sperare di attrarre presto visitatori per sostenere la reputazione della regione di produrre alcuni dei migliori vini del mondo. Fairwinds Estate Winery è uno di questi. La storica proprietà, nota per essere la quarta cantina fondata nella Napa Valley poco dopo il divieto, è stata quasi distrutta dall’incendio del vetro. Oltre 40.000 metri quadrati di impianti di produzione e una sala di degustazione sono stati completamente sventrati. Centinaia di bottiglie di vino sono state incrinate dal calore delle fiamme e i serbatoi di vino inutilizzati sono stati danneggiati in modo irreparabile, ha detto Brandon Chaney, proprietario e amministratore delegato della Fairwinds Estate Winery.

%d bloggers like this: